L’Inter nel cuore. Sempre e solo Inter! Inter … Da piccolo l’ho ascoltato mille volte quel 45 Giri: “Largo che arriva l’Inter, comincia lo spettacolo…”. Ancora mi emoziono quando il nostro pubblico si decide a sostenere la squadra e scandisce con forza: Inter! Inter! Inter! Inter… A volte ci penso davvero a cosa significhi “essere interisti”. L’ho scritto tante volte. L’ho scritto nel mio primo libro “Vade retro Satana – Storie di una vita nerazzurra” e nell’ultimo “Manuale del perfetto interista. “Io so soltanto”, scrivevo nel 2004 “che l’Internazionale mi si addice perfettamente: perché è la squadra della mia città e, proprio come Milano, accoglie tutti da sempre; perché il nostro Presidente si fa il segno della croce; perché non ci sono macchie o dubbi sulle sue vittorie; perché l’attaccamento ai colori neroazzurri va molto oltre i successi o le volontà dittatoriali; per quella innata estrosa “pazzia” che permette di compiere grandi imprese ma anche di subire sconfitte imprevedibili (il che vuol dire dare una chance anche alle squadre più deboli); perché è la prima rivale di una squadra che come simbolo ha il diavolo; perché nella sua storia il numero tre ricorre sempre nei più grandi momenti di gioia; per quel “minimo di ribellione alle istituzioni” (per dirla con Massimo Moratti), giusta se equilibrata; perché è una delle poche squadre i cui tifosi si riconoscono anche nel passato; perché chiunque sia stato male qui è stato curato con attenzione e non solo per meri interessi di proprietà; perché nel coro Non mollare mai! c’è parte del mio credo. Insomma, per me c’è davvero solo l’Inter”. Ribadivo nel 2014 che essere dell’Inter “vuol dire essere primi e unici. Primi tra tutte le squadre a decidere di accogliere giocatori di altri Paesi e a scendere in campo non solo con atleti italiani. Unici perché solo i tifosi dell’Internazionale Milano possono alzare gli occhi verso il cielo e riconoscervi i propri colori: l’azzurro e il nero, i colori del cielo e della notte.”.
Cav. Pierluigi Arcidiacono
(www.hashtaginter.it)

In Primo Piano Nerazzurri Storia

Il gigante buono – Di Cristiano Marzorati

Giacinto Facchetti nel 1960 era solo un diciottenne bergamasco dal fisico scultoreo e con tanta voglia di raggiungere la gloria trasformando il suo gioco preferito in un vero e proprio lavoro. Uno dei tanti che, notati da osservatori con l’occhio lungo (ben lontani come stile, come impostazione professionale, da quelli dei nostri giorni), facevano il […]

In Primo Piano Nostre Pagine

“What if?”. “E se?” – di Cristiano Marzorati

Ancora un libro su Ronie. “What if?”. “E se?”. È in questa breve domanda, che non conosce risposta e che, pertanto, viene lasciata volutamente in sospeso, sulla “spalla” del libro “Ronaldo – Il Fenomeno” (120 pagine, Hoepli editore 2020, € 15,00) di Gianluca Cedolin, la sintesi della carriera di un giocatore incompiuto, ancora oggi, dopo […]

Fuori Campo In Primo Piano

La Gossip-modellina De Vitis era la testimonial dell’Inter Club Reggio Emilia

Dopo un po’ di insistenza il Direttore di hashtaginterit, Pierluigi Arcidiacono, ha acconsentito a rispondere ad alcune domande del nostro Cristiano Marzorati su un caso di pettegolezzo (l’ormai tanto celebrato: “Gossip”). Un legame con l’Inter c’è, perché la modellina semi-anoressica Marialaura De Vitis, che spopola sul Web da circa un mese (grazie alla sua relazione, […]

Log In

Il Direttore In Primo Piano

Abbiate il pudore di tacere…

Per favore, tutti zitti. Gufi d’ogni tipo, non i tifosi delle squadre rivali, per carità, ma, lo sapete come la pensiamo: zitti tutti quelli dell’Establishment. Dovete le vostri scuse ad Antonio Conte, dovete le vostre scuse a Eriksen. Dovete le vostre scuse a quel ragazzo soprannominato “Big Rom”, Romelo Lukaku, che non ha riposato un […]

Belli, forti, sudati e silenti…

Facebook

Piccoli Nerazzurri

Leggiamo altrove