L’Inter nel cuore. Sempre e solo Inter! Inter … Da piccolo l’ho ascoltato mille volte quel 45 Giri: “Largo che arriva l’Inter, comincia lo spettacolo…”. Ancora mi emoziono quando il nostro pubblico si decide a sostenere la squadra e scandisce con forza: Inter! Inter! Inter! Inter… A volte ci penso davvero a cosa significhi “essere interisti”. L’ho scritto tante volte. L’ho scritto nel mio primo libro “Vade retro Satana – Storie di una vita nerazzurra” e nell’ultimo “Manuale del perfetto interista. “Io so soltanto”, scrivevo nel 2004 “che l’Internazionale mi si addice perfettamente: perché è la squadra della mia città e, proprio come Milano, accoglie tutti da sempre; perché il nostro Presidente si fa il segno della croce; perché non ci sono macchie o dubbi sulle sue vittorie; perché l’attaccamento ai colori neroazzurri va molto oltre i successi o le volontà dittatoriali; per quella innata estrosa “pazzia” che permette di compiere grandi imprese ma anche di subire sconfitte imprevedibili (il che vuol dire dare una chance anche alle squadre più deboli); perché è la prima rivale di una squadra che come simbolo ha il diavolo; perché nella sua storia il numero tre ricorre sempre nei più grandi momenti di gioia; per quel “minimo di ribellione alle istituzioni” (per dirla con Massimo Moratti), giusta se equilibrata; perché è una delle poche squadre i cui tifosi si riconoscono anche nel passato; perché chiunque sia stato male qui è stato curato con attenzione e non solo per meri interessi di proprietà; perché nel coro Non mollare mai! c’è parte del mio credo. Insomma, per me c’è davvero solo l’Inter”. Ribadivo nel 2014 che essere dell’Inter “vuol dire essere primi e unici. Primi tra tutte le squadre a decidere di accogliere giocatori di altri Paesi e a scendere in campo non solo con atleti italiani. Unici perché solo i tifosi dell’Internazionale Milano possono alzare gli occhi verso il cielo e riconoscervi i propri colori: l’azzurro e il nero, i colori del cielo e della notte.”.
Cav. Pierluigi Arcidiacono
(www.hashtaginter.it)

Calcio Nostre Pagine Storia

Il brutto anatroccolo, Oriali, “Lo Zio”, e i ragazzi del 1982 – di Cristiano Marzorati

Dal 27 settembre al 1° ottobre il Capoluogo lombardo, unico in Europa a vantare due squadre vincitrici della Coppa dei Campioni, sta ospitando la manifestazione “Calcio City”: una rassegna di eventi gratuiti che ha come comune denominatore il pallone in tutte le sue possibili declinazioni, dalle dirette delle partite di Serie A alle prospettive dei […]

Calcio Nostre Pagine Storia

Il brutto anatroccolo, Oriali, “Lo Zio”, e i ragazzi del 1982 – di Cristiano Marzorati

Dal 27 settembre al 1° ottobre il Capoluogo lombardo, unico in Europa a vantare due squadre vincitrici della Coppa dei Campioni, sta ospitando la manifestazione “Calcio City”: una rassegna di eventi gratuiti che ha come comune denominatore il pallone in tutte le sue possibili declinazioni, dalle dirette delle partite di Serie A alle prospettive dei […]

Fuori Campo In Primo Piano Nerazzurri

Si sposa la dolce Neroazzurrina Ilaria Ceccarelli di Follonica

Da bambina è subito diventata interista; la foto in apertura di servizio lo dimostra, senza possibilità di contestazioni… Ilaria, d’altronde è la primogenita di un grande tifoso interista; noi lo conosciamo bene e lo abbiamo visto soffrire nei minuti di recupero di un derby: non pronunciava una parola, lo sguardo era fisso sul campo e […]

Log In

Il Direttore In Primo Piano

D’Ambrosio alla sua prima gara ufficiale con la Nazionale: e l’Italia vola in Europa

Con #ItaliaGrecia Danilo D’Ambrosio (con la maglia numero 2) scende in campo per la prima volta in una partita ufficiale della Nazionale Italiana di Calcio. Purtroppo si infortuna quasi subito, stringe i denti e vuole rimanere in campo. Rientra. Chiede tempo alla panchina… Commette addirittura un fallo al 20’; a lo staff medico di Roberto […]

Appello alla Curva Nord e a tutti i tifosi. Ci vogliono fregare le origini e la fedeltà!

Facebook

Piccoli Nerazzurri

Leggiamo altrove